LA VALLE DELLA MINIMA

Ricca di storia e di testimonianze archeologiche e spirituali, in mezzo ad una natura incontaminata, questa valle ha inizio dopo il Passo della Cerventosa (748 m) tra il Monte Traforata (1.035 m) e il Poggio delle Rocche (921 m). Circondata anche dal Monte della Croce (895 m), Monte Maggio (714 m) e Monte Castellare (876 m), arriva a confluire fino alla Valle del Tevere. Gli abitati sono tutti in alto lungo percorsi di crinale e controcrinale: ricordiamo Casale, Seano, Montemaggio, Ginezzo e soprattutto Teverina (insieme a Teverina Bassa). A Montemaggio esisteva un monastero di monache benedettine, rimasto attivo dal 1211 fino alle soppressioni leopoldine e poi trasformato in palazzo signorile detto il Palazzone. A Case Ginezzo sorgeva un tempo l’Abbazia di Santa Maria

Non lontano da Teverina Bassa si segnalano l’affresco della Madonna del Latte, in località “Croce di Teverina”, dove sorgeva un ospizio dedicato a Sant’Onofrio, e la strada romana inserita nel parco archeologico che conduce da un lato a Falzano e dall’altro a Monte Maggio. Prodotti tipici si possono gustare nel corso dell’annuale festa della montagna, che tradizionalmente cade durante il mese di Luglio.

INFO POINT

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

X